In Armonia con La Natura

IL FIUME MARTA, l’ecosistema e il percorso naturalistico

Il fiume, che ha origine dal lago di Bolsena, nel suo percorso di 53,4 km fino al mare, attraversa o lambisce centri o territori della Tuscia (Marta, Tuscania, Monte Romano, Tarquinia) e siti di notevole richiamo storico e di attrazione ambientale, il cui sviluppo è stato determinato anche dall’interazione con lo stesso corso d’acqua. Noto dall’antichità anche perché navigabile, dopo alcune cascatelle presso Tuscania (Salumbrona, ecc.), riceve le acque di altri corsi (Biedano ecc.); ha subito nel tempo delle modificazioni, non sempre felici, dovute anche all’intervento dell’uomo.

L’onomastica ricorrente nel territorio e alcuni resti di edifici medievali di culto (S. Savino, S. Giusto, ecc.) e civili (castelli di Ancarano, Pian Fagiano ecc.; la Cannara) disposti lungo il percorso fluviale testimoniano l’interesse di alcune comunità ecclesiastiche e di alcune potenti famiglie per questo fiume. Ricordiamo, tra gli edifici di epoca più recente, situati sul corso d’acqua, in parte dimessi o in dismissione, le cartiere (Tuscania, Tarquinia) e le centrali elettriche (S. Savino), oggi monumenti di archeologia industriale in attesa di un riuso ecocompatibile.

Il Marta è spesso evocato in campo umanistico (V. Campanari, La caduta della Marta) e artistico (F.-M. Granet). In bicicletta o a cavallo, il percorso naturalistico che attraversa un paesaggio agricolo, è servito da cartelli indicatori, aree di sosta e bacheche informative circa la fauna e la flora che caratterizzano l’ambiente.

Cultura, Storia e Patrimonio

GLI ETRUSCHI

GLI ETRUSCHI

TARCHNA, CORNETO, TARQUINIA

TARCHNA, CORNETO, TARQUINIA

MAREMMA TRA MARE E NATURA

MAREMMA TRA MARE E NATURA

TARQUINIA LUOGO LETTERARIO

TARQUINIA LUOGO LETTERARIO

Pianifica il tuo viaggio

ACCOGLIENZA TURISTICA

Dormire, Mangiare e Cosa Fare

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
resta aggiornate alle nostre novità