Scataglini

La tomba prende il nome dal Soprintendente Renato Bartoccini. La pianta é articolata: su una camera centrale si aprono tre stanze, tutte con soffitto a doppio spiovente. La stanza centrale ha il soffitto con il columen decorato a rosoni e dischi e il motivo a scacchiera sugli spioventi.
Sul frontone della parete di fondo è rappresentata una scena di banchetto con due coppie maschili attorniati da servitori ed ancelle.
Nei frontoni delle camere laterali sono rappresentate scene di lotta di animali, sulle pareti fasce con melograni e boccioli di loto.
Questa tomba è il più grande ipogeo dipinto di età arcaica. La camera centrale è stata deturpata con graffiti cristiani di età tardo – gotica, a testimonianza del fatto che in epoche più antiche la tomba era conosciuta e accessibile.

Datazione: 530—520 a.C.

clicca sulla mappa per visualizzarne i dettagli

Giocolieri

Guerriero

Cristofani

Padiglione della caccia

Fiore di loto

Leonesse

Pallottino

Pulcella

Caccia e pesca

Caronti

Due tetti

Gorgoneion

Cardarelli

Moretti

Fustigazione

Fiorellini

Demoni azzurri

Bettini

Caccia al cervo

Bartoccini

Leopardi

Baccanti

LA NECROPOLI ETRUSCA
Pianifica il tuo viaggio

ACCOGLIENZA TURISTICA

Dormire, Mangiare e Cosa Fare

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
resta aggiornate alle nostre novità