Museo Archeologico Tarquinese

Fu così denominata perché il Soprintendente R. Bartoccini ritenne che “tale denominazione le si addicesse più di ogni altra, per il sereno e felice spirito agonistico che aleggiava nelle scene dipinte sulle pareti”. Sulla parete di fondo è raffigurata, al centro, una finta porta. Sui timpani sono raffigurati simposi con coppie di uomini. Sulla parete laterale destra un grande fregio illustra i giochi funebri: la corsa, il salto in lungo, il lancio del disco, il pugilato, il gioco del “Phersu”. Sulla parete sinistra è rappresentata una corsa di bighe, l’ultima delle quali si è rovesciata e l’auriga è stato sbalzato in aria. La tomba presenta delle pitture molto raffinate ed eleganti e ciò induce a pensare che fu probabilmente dipinta da un artista greco – orientale.

Datazione: 530-520 a.C.

Pianifica il tuo viaggio

ACCOGLIENZA TURISTICA

Dormire, Mangiare e Cosa Fare
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
resta aggiornate alle nostre novità

Clicca qui per leggerla.

I dati di contatto raccolti saranno utilizzati dal Titolare per il solo invio della Newsletter richiesta. Ulteriori finalità non sono previste, né ammesse. I dati saranno conservati fino alla richiesta di cancellazione dal servizio da parte dell'Interessato, possibilità offerta ad ogni invio della newsletter, e comunque per un periodo di tempo non superiore a 24 mesi dalla conferma di volontà di ricezione della comunicazione. Per ogni altro dettaglio, si rimanda all'informativa estesa, presente nella sezione privacy.
close-link